Obad, il Trojan Android più sofisticato di tutti i tempi

Alleanza tra Google e Kaspersky provano a sconfiggere le minacce di questo Trojan Android

trojan android
trojan android

Obad, o meglio, Backdoor.AndroidOS.Obad.a è il trojan Android più sofisticato di sempre. Almeno secondo gli esperti di Kaspersky, la rinomata azienda moscovita specializzata nel ramo della sicurezza informatica. E c’è da crederci, visto cosa è in grado di fare questo pericolosissimo Trojan Android.

Una volta che si è insinuato nel proprio dispositivo mobile, il trojan non viene identificato  da AndroidManifest.xml che dovrebbe impedirne almeno in linea teorica l’installazione. Non riuscendoci, Backdoor.AndroidOS.Obad.a  riesce ad installarsi senza ostacoli, mascherando il codice e complicando la diagnosi del virus.

Dopodiché questo pericoloso trojan Android prova ad ottenere i privilegi di amministratore, visto che gli esperti di sicurezza informatica di Kaspersky non hanno ancora rintracciato il bug malware che è difficilissimo da rimuovere, in quanto blocca ogni azione di disintallazione.

Gli esperti di Kaspersky hanno informato i vertici di Google delle falle presenti a sistema e dei possibili effetti che vedrebbero coinvolti tantissimi dispositivi mobili Android. Infezioni, invio di messaggi a numeri a pagamento (i cosiddetti numeri premium che comporterebbero guadagni agli sviluppatori), download di altri malware ed invio di questi ultimi ad altri smartphone mediante Bluetooth potrebbero essere alcuni dei problemi.

E’ dello 0,15% la percentuale dei dispositivi Android che potrebbero presentare problemi per via di Obad. Il dato non tragga però in inganno, visto il numero notevole di dispositivi Android i n circolazione. Perciò, occhio quando scaricate le applicazioni, specie a quelle che hanno pochi feedback e un numero ridotto di recensioni sul web.

A detta di Roman Unucheck di Kaspersky, il modus operandi di questo trojan Android ricorda molto da vicino quello di un malware Windows sia per il modo di aggredire le vulnerabilità che per la sua strutturazione complessa. Dall’alleanza tra Google e Kaspersky ci si aspetta perciò un fix per rimuovere il virus.

Vi terremo aggiornati in caso di novità.